Made in China o Made in Italy?

La risposta sembra scontata: made in Italy!!!!

Ma la realtà è ben più complessa.

In questo momento non facile per il nostro Paese anche noi cerchiamo il più possibile di affidarci ai produttori italiani.

Ma se la superiorità del made in Italy è indiscussa per alcune produzioni, come la costumistica, la produzione di tessuti, il mondo dei collant, non è altrettanto vero per altri settori, come quello delle scarpe e dei body “da lezione”, per i quali il mercato estero è diventato concorrenziale non solo per i prezzi, ma anche per la qualità

Lo dico con un po’ di amarezza, ma il prodotto artigianale made in Italy, per quanto curato, non raggiunge sempre gli standard dei capi realizzati nelle grandi industrie in termini di vestibilità, durata del capo, risposta alle esigenze tecniche delle ballerine. Per le scarpe ormai il mercato è tutto straniero.

Ci sono senz’altro delle eccellenze italiane, ma come concorrere con colossi come Grishko, Bloch, Capezio….?

In genere storciamo il naso quando vediamo un “made in Vattelapesca”, sospettando una scarsa qualità del prodotto, ma…. diresti che gli articoli Bloch sono “scarsi”?

I grandi marchi hanno ormai dislocato le produzioni nei più svariati Paesi dell’Asia e dell’America del Sud. Ecco una breve rassegna di dove producono le varie aziende (fonte: le etichette dei capi che abbiamo in negozio, quindi la lista potrebbe essere incompleta 😉 )

Ballet Rosa: azienda portoghese, made in Portogallo

Bloch: marchio australiano, produce in Cambogia, Thailandia, Cina, Sri Lanka

Capezio: brand statunitense, produzione in Thailandia, Cina, Repubblica Dominicana

Eurotard: sede in U.S.A., produzione in Guatemala

Freed: marchio inglese, made in Gran Bretagna, Tunisia (marchio Attitude Diffusion)

Grishko: brand russo, produce in Russia, Repubblica Ceca, Macedonia, Thailandia

Rudolf: marchio italiano, produzione in Italia, Cina

So Danca: azienda brasiliana, made in Brasile, Repubblica Domenicana

Questa dislocazione non fa sì che il loro sia un prodotto scadente, anzi: ci sono industrie nei Paesi in Via di Sviluppo che seguono standard europei o statunitensi di eccellenza.

E qui arriviamo a sfatare un mito: che i prodotti cinesi siano pessimi.

Indovina, tra i nostri migliori capi troverai anche alcuni articoli Made in China!

Gli articoli a cui mi riferisco sono, ad esempio, gran parte dei body a marchio Capezio; alcuni Bloch;  i body Rudolf. 

Ti invito ad acquistare uno di questi articoli, ad usarlo, a lavarlo decine di volte…. potrai certamente apprezzarne la qualità.

Come è possibile che sia fatto in Cina? La risposta è che c’è made in China e made in China. Le fabbriche cinesi controllate da questi grandi marchi occidentali seguono degli standard precisi: il capo è confezionato laggiù, ma è come se fosse fatto in Europa o negli Stati Uniti: le procedure, i modelli, e soprattutto i tessuti devono rispettare determinati requisiti.

Forse non ci fa piacere che l’industria manifatturiera italiana sia soppiantata dalla concorrenza di questi Paesi… ma tu saresti disposta a spendere il doppio per un semplice body o una scarpetta per tua figlia? 

Detto questo, nel valutare marchi e prodotti abbiamo cercato di fare delle scelte anche in merito alla loro provenienza:

  • i nostri collant sono tutti Made in Italy. In Italia la produzione di collant è di altissima qualità, e noi ci affidiamo al marchio Rudolf e Dance Attitude, prodotti in Italia. Non c’è quindi ragione di rifornirsi all’estero quando la qualità italiana eccelle allo stesso prezzo.
  • Per i body basici abbiamo deciso di puntare molto sul marchio Rudolf perché sì, alcuni modelli sono made in PRC, ma sono di ottima qualità, e Rudolf è un’azienda italiana; inoltre molti capi di questo brand sono realizzati in Italia, come appunto i collant, l’abbigliamento basic, la linea viscosa.
  • La costumistica è realizzata da partner italiani, che utilizzano tessuti italiani
  • Tra i nostri brand di punta ci sono marchi che hanno scelto di tenere una buona parte della produzione in Europa: in primis Ballet Rosa, Freed, Grishko
  • Anche nell’ambito dell’abbigliamento fashion abbiamo dato spazio ad una nuova linea, “Danzo quindi sono”, realizzata totalmente in Italia.

Tu che ne pensi? Lascia un commento!